martedì 27 dicembre 2016

Torta tartufata


Ho trascurato molto il blog in questo periodo… ma vorrei farmi perdonare lasciandovi la ricetta del dolce che io e Giulia abbiamo preparato per il Natale.
E’ stato un Natale un po’ fuori dalle regole, un Natale un po’ pazzerello,  ma molto divertente!!!
Abbiamo scelto, come da tradizione,  una torta al cioccolato, perchè non è Natale se non c'è cioccolato...
Ci sono dolci che si fanno perché ci attira la ricetta, oppure perché ci attraggono le foto, oppure perché suggeriti caldamente da un’amica… questo è proprio uno di quelli!!! 
E’ una torta molto semplice da fare, cioccolatosa, umida e morbida al centro, di una bontà unica!!! 




Ingredienti:
2 uova
30 gr di cacao amaro
30 gr di farina 00
80 gr di burro
80 gr di zucchero a velo
180 ml di latte
200 g di cioccolato fondente
1/2 bustina di lievito
 1 bustina di vanillina
marmellata di albicocche q.b.
una teglia a cerniera diam. 22/24





Procedimento:
Tritate grossolanamente il cioccolato e scioglietelo a bagno maria in un pentolino con il burro e  mescolando costantemente con un cucchiaio di legno. 

In un'altro pentolino scaldate bene  il latte, ma senza farlo bollire.  Una volta fuso il cioccolato unite il latte e mescolate i due composti. Separate gli albumi dai tuorli e unite questi ultimi nel composto di cioccolato, tenendo ben mescolato, uno alla volta e senza aggiungere l'altro se il primo non è stato ben incorporato. 
Setacciate la farina con il cacao, la vanillina e la bustina di lievito e unitela al composto  di cioccolato. Montate a neve ben ferma gli albumi con una puntina di sale, aggiungete lo zucchero a velo e continuate a montare il composto fino a che sarà ben fermo e  lucido. 
Versate il tutto in una teglia a cerniera (Diam. 22/24 cm.) ben imburrate e infarinata e mettete in forno preriscaldato a 170 gradi per circa 30 minuti.
Ricordate che la torta deve restare morbida e umida all'interno. Lasciate raffreddare la torta, dividetela in due dischi, cospargete con la marmellata di albicocche la base e riposizionate il secondo disco sulla base. Spolverate quindi con una buona dose di cacao la superficie.





mercoledì 14 dicembre 2016

Coniglio alla romana



Finalmente Giulia è arrivata e rimarrà con noi per tutte le festività Natalizie, siamo contentissimi, perchè è una persona solare ed estroversa e come ho già detto tante volte porta una ventata di allegria...
Quindi mentre i nostri mariti, nonostante il freddo e la nebbia, si sono prestati a sistemarmi il giardino, io e Giulia siamo rimaste in cucina, tante chiacchiere e un po' di pettegolezzi, ma alla fine siamo riuscite a preparare questo piatto appetitoso e stuzzicante.
E' un piatto semplice, gustoso e saporito, con un sfiziosissimo sughetto per fare la scarpetta!!!
Questo secondo appartiene alla tradizione romana, molto apprezzato per la presenza di ingredienti, come  le olive e i capperi che lo rendono buono e gustoso, questa ricetta è della mamma di Giulia, quindi super collaudata...
Neanche a dirlo è finito subito...

Ingredienti:
1 coniglio peso circa kg. 1,200 (gia porzionato)
Olio E.V.O.
1/2 bicchiere di vino bianco
aceto di vino bianco
olive q.b.
capperi q.b.
3 - 4 acciughe
3 spicchi di aglio
alcune foglie di salvia
alcuni rametti di rosmarino
sale e pepe


Procedimento:

Lavare bene il coniglio sotto l'acqua corrente.
Marinatelo per una notte, al fresco, in una terrina con acqua e aceto in uguale proporzione, un rametto di salvia e uno di rosmarino, uno spicchio di aglio.

Dopo averlo tolto dalla marinatura condire il coniglio con un cucchiaio di olio E,V.O. alcune foglie di salvia e con gli aghi di un rametto di rosmarino, sale e pepe, massaggiare bene la carne e lasciare al fresco per un'ora.

Trascorsa l'ora, far soffriggere in una padella due spicchi di aglio con tre cucchiai di olio E.V.O. e farci rosolare il coniglio unire salvia e rosmarino.
Quando la carne di coniglio sarà ben colorita, unire il vino bianco e lasciarlo sfumare, aggiungere le alici, le olive e i capperi e lasciare cuocere per circa un'ora, con il coperchio sulla pentola fino a che il coniglio non diventerà morbido e dorato. Durante la cottura se il sughetto dovesse restringersi troppo aggiungere un poco di brodo o acqua.
A metà cottura consiglio di togliere gli spicchi di aglio.


lunedì 5 dicembre 2016

Torta di ricotta, mascarpone e ..... caffè - guancia di manzo brasata con castagne e mele


Primo dicembre 1991, un giorno indimenticabile... da allora sono trascorsi ben 25 anni!!!
Questa è la torta che ho proposto per festeggiare i miei 25 anni di matrimonio!!!
Ho riproposto con qualche variante questa torta che ha avuto un grande successo, ho cambiato un pò la farcitura per renderla più cremosa e sfiziosa ma il gusto al caffè è rimasto.
Di seguito troverete la ricetta di carne. che ho proposto come secondo, per questa serata trascorsa tutti insieme per festeggiare le nostre nozze d'argento!!!





Per la base:
70 gr di cioccolato fondente
100 gr di burro
3 cucchiai di latte
50 gr di fette biscottate integrali
200 gr di biscotti digestive


Per la crema al caffè:
1 cucchiaio di caffè solubile
120 gr di caffè ristretto
100 gr di zucchero + 100 gr di zucchero
100 gr di ricotta
100 gr di mascarpone
3 fogli di gelatina (o colla di pesce)
15 gr di amido di mais
140 gr di panna
20 gr di latte condensato
2 tuorli
150 gr di latte
cioccolato fondente all'arancia


Procedimento per la base:

In una casseruola fate sciogliere il cioccolato con alcuni cucchiai di latte e il burro, poi lasciatelo intiepidire.
Con il mixer tritate i biscotti e le fette biscottate, a filo fate scendere nel mixer in funzione il composto di burro e cioccolato.
Con questo composto rivestite una teglia a cerniera (diam 24) rivestendo e compattando bene anche i bordi, quindi mettete in frigorifero per un'ora.
Tenete a parte un po' di briciole per la copertura.

Per la farcia:
Mettete in  ammollo la gelatina in acqua tiepida per 10 minuti.
In una ciotola montate a crema lo zucchero e i tuorli con le fruste elettriche, aggiungete la farina di fecola e a filo il latte e il cucchiaino di caffè solubile, amalgamate bene quindi mettete il tutto in una pentolina e posizionate sul fuoco basso fino a quando la crema non si sarà addensata.
Togliete dal fuoco e aggiungete la gelatina strizzata, mescolando fino a quando non si sarà tutto amalgamato, quando si sarà intiepidito aggiungete 40 gr di caffè ristretto.
In un'altra ciotola amalgamate, sempre con le fruste il mascarpone con la ricotta, lo zucchero e 40 gr di caffè ristretto e il latte condensato.
Montate la panna e sempre montando unite gli ultimi 40 gr di caffè, unite il composto di mascarpone e ricotta e per finire il composto di uova.
Riempite con questa crema la base di biscotto e posizionate in frigorifero per alcune ore.
Spolverate con cioccolato all'arancia grattugiata, e le briciole che avete tenuto a parte.





Guancia brasata con castagne e mele


Una guancia di manzo circa 800 gr
gr 200 di castagne lessate e pelate
gr 150 di albicocche secche
odori ( sedano, carota, cipolla) 
2 mele renette
burro 
fecola 
chiodi di garofano
ginepro 
alloro
vino rosso corposo
brandy
olio E.V.O.
sale e pepe bianco



Procedimento:


Mettete la guancia  di manzo in un recipiente profondo, copritela di vino rosso, aromatizzatela con gli odori ridotti a pezzetti, 2 foglie di alloro, alcuni chiodi di garofano, qualche bacca di ginepro, un cucchiaio di grani di pepe, chiudete con la pellicola e  passate in frigorifero lasciando marinare la carne per una notte.
Toglietela quindi dalla marinatura e rosolatela in una casseruola che possa contenere anche la marinata, a fuoco vivo e con un filo di olio caldo, finchè non risulti colorita da tutti i lati.
A questo punto aggiungete la marinata, salate, mettete il coperchio alla casseruola  e lasciate stufare a fuoco lento per circa 2 ore.
Nel frattempo, lavate le mele, privatele del torsolo, e senza pelarle riducetele a tocchetti che rosolerete in padella con una noce di burro spumeggiante, insieme alle albicocche e alle castagne, salate e pepate, aggiungete un dito di brandy e fate sfumare per 1 minuto e quando sarà evaporato, aggiungete il sugo del brasato, ormai cotto e filtrato.
Fate prendere il bollore all'intingolo, legatelo con un cucchiaino di fecola sciolta in pochissima acqua fredda e proseguite la cottura finchè diventerà leggermente sciropposo.
Versate l'intingolo sul pezzo di carne che avrete affettato e portate subito in tavola.












giovedì 24 novembre 2016

Ciambella allo zabaione


La colazione è il pasto che preferisco... dolce o salato non importa, ma se è dolce, che dolce sia...
Per questa mattina ho preparato questa ciambella che ho accompagnato con alcuni cucchiai di marmellata di mirtilli...
Questa è una base per un dolce molto versatile, potete aggiungere la spremuta di un'arancia, oppure gocce di cioccolato fondente, oppure tutti questi ingredienti insieme, insomma potete sbizzarrirvi con gli ingredienti che più vi piacciono!!!
Io ho pensato di aromatizzare questa sofficissima ciambella con qualcosa di completamente diverso... un liquore proveniente dall'Alto Adige che avevo acquistato l'anno passato durante la settimana bianca, perchè era ormai in scadenza e doveva essere utilizzato al più presto, quindi cosa c'era di meglio che aggiungerlo a questa ciambella per darle una nota un po' diversa dal solito... 
Con un velo di marmellata è ancora meglio!!!


Ingredienti:

3 uova
150 gr di zucchero
150 gr di burro
200 gr di farina 00
50 gr di fecola
100 ml di latte
100 ml di liquore allo zabaione
1 bustina di lievito per dolci


Procedimento:

Montate con le fruste elettriche lo zucchero con il burro morbido fino ad ottenere un composto denso e cremoso. Unite le uova una alla volta, cercando di far assorbire del tutto le uova prima di aggiungerne delle altre. Aggiungete la farina setacciata con il lievito, a seguire il latte e per finire il liquore allo zabaglione.
Versate l'impasto nell'apposita teglia dopo averla imburrata e infarinata.
Mettete in forno statico per 30 - 35 minuti, accertate la cottura con lo stuzzicadente quindi posizionate la ciambella sulla tortiera.

sabato 19 novembre 2016

Dolce al mandarino e cioccolato

Quello che vi propongo è un dolce al cucchiaio semplice e sfizioso, una variante della classica bavarese, perfetto per concludere con una golosità una cena tra amici.
Questo dessert dalla consistenza morbida e delicata non comporta eccessive difficoltà di esecuzione, inoltre risulta fresco e leggero e più digeribile delle tradizionali torte di pasticceria.
Io ho scelto una leggera spolverata di cioccolato, ma a vostro piacere potete sostituire il cioccolato fondente con amaretti sbriciolati...


 Ingredienti:

70 gr di zucchero semolato
80 gr di zucchero a velo 
250 gr di latte
120 gr di panna
3 tuorli
8 gr di colla di pesce o gelatina
4 mandarini
30 gr di cioccolato fondente




Procedimento:

Mettete la gelatina in ammollo nell'acqua fredda, contemporaneamente scaldate il latte, ma senza farlo bollire.
Montate con le fruste elettriche i tuorli con lo zucchero, fino ad avere un composto spumoso e chiaro.
Aggiungete a filo il latte caldo continuando a montare il composto con la frusta manuale.
Unite la gelatina ed incorporate tutto.
Spremete i mandarini e lentamente uniteli al composto, quindi lasciate raffreddare completamente.
Montate la panna e piano piano unitela al composto ormai freddo.
Mettete il composto nello stampo dai bordi alti  (mis. 20x10 h.7) e mettete in frigorifero per circa 3 - 4 ore.
Capovolgete il dolce e ricoprite con  cioccolato fondente tritato a coltello, oppure con qualche amaretto tritato grossolanamente.



venerdì 11 novembre 2016

Dolce al profumo di caffè



Dolce al profumo di caffè



Undici novembre si festeggia "l'estate di San Martino", fino ad alcuni decenni un giorno importante nelle nostre campagne, infatti era proprio in questo giorno che i contadini che erano a mezzadria si trasferivano traslocando da un podere ad un altro, dove avevano trovato migliori condizioni.
Il loro pensiero era che ci fosse bel tempo, infatti cambiare abitazione sotto la pioggia non era proprio il massimo...
E, memori della leggenda del Santo che ebbe da Dio, proprio per il suo buon cuore, una giornata primaverile, dopo aver donato metà del suo mantello al povero che camminava nella bufera, era stata scelta per cambiare abitazione.
Questo dolce che ho preparato oggi lo dedico a mia figlia che porta il suo nome, ho scelto questo perchè  a lei piace il caffè, specie quello ristretto con un forte aroma e quindi anche tutti i dolci che lo contengono...
Un dolce  facile e veloce e ideale per ogni momento della giornata.
Un involucro di biscotti che racchiude una farcia cremosa e soffice, Un dolce fresco che è possibile ottenere con pochi passaggi, ma che troverà sicuramente tanti consensi.






Ingredienti per la base di biscotto:

280 gr di biscotti secchi
120 gr di burro ammorbidito

per la farcia:
350 gr di ricotta 
200 gr di panna da montare
100 gr di zucchero
10 chicchi di caffè
1 cucchiaino di caffè solubile
1 tazzina di caffè
2 gr di colla di pesce



Procedimento:
Fondete il burro in una piccola pentolina. 
Con il mixer tritate finemente i biscotti insieme al burro fuso. Sistemate il composto in una stampo a cerniera diam. 24 cm. rivestendo anche i bordi.
Compattate bene soprattutto i bordi e mettete a riposare in frigorifero per circa un'ora.

Per la farcia: 

In una ciotola ammorbidite con la frusta elettrica la ricotta insieme allo zucchero e alla tazzina di caffè ristretto.
Immergete la gelatina in fogli in acqua fredda per almeno dieci minuti.
Riscaldate tre cucchiai di panna in un pentolino, aggiungete il caffè solubile e fatelo sciogliere. Aggiungete la gelatina e tenete mescolato, una volta che si è raffreddato aggiungetelo al composto di ricotta. Sbriciolate il caffè in chicchi e aggiungetelo al composto
Montate la panna ben fredda ed unitela piano piano al composto di ricotta
Riempite la base di biscotto con la crema al caffè  e fate riposare in frigorifero per almeno tre ore.
Estraete con delicatezza la torta dalla tortiera, decorate con scaglie di cioccolato e servite.
Trascorso il tempo necessario estraete con delicatezza il dolce al caffè dal frigorifero e decorate con cioccolato prima di servire. Conservate la torta in frigorifero.







lunedì 7 novembre 2016

Pasta corta alla mediterranea



Quando arriva il freddo ho voglia di mangiare il baccalà,  un pesce  che si presta benissimo per  piatti ricchi di sapore.
Questo primo si prepara in un attimo, giusto il tempo di cuocere la pasta e con pochi ingredienti ne ho fatto un primo sfizioso e appetitoso.
Per questo piatto ho utilizzato dei filetti già puliti e pronti.
Questo primo è molto versatile infatti potete togliere alcuni ingredienti e sostituirli per renderlo meno piccante, oppure aggiungere un ingrediente ad esempio i capperi per avere una nota più acidula, insomma ci si può divertire ad amalgamare profumi e sapori diversi!!!



Ingredienti per 4 persone:

300 gr. di fusilli
400 gr. di filetto di baccalà
 una cipolla 
1 spicchio di aglio
 2 alici sott'olio
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
3 pomodori perini
sale e pepe, q.b.
olio E.V.O.
olive bianche e nere già denocciolate q.b.
1/2 bicchiere di vino bianco secco
un piccolo peperoncino
origano
2 foglioline di basilico
prezzemolo facoltativo



Procedimento:

Tagliate a tocchetti i filetti di baccalà, tagliate le olive bianche e nere a listarelle, affettate la cipolla a rondelle, tagliate a pezzetti anche i pomodorini.
In una casseruola insieme ad alcuni cucchiai di olio fate rosolare leggermente la cipolla tagliata a rondelle, le foglioline di basilico, uno spicchio di aglio il peperoncino e le alici, mescolate bene fino a quando queste ultime si saranno completamente sciolte.
Una volta che la cipolla sarà dorata, togliete lo spicchio di aglio, aggiungete il concentrato di pomodoro e i pomodorini tagliati a pezzetti, un pizzico di origano, un po' di acqua e mescolate bene, salate e pepate.
Sfumate con il vino bianco e lasciate cuocere per una decina di minuti.
Aggiungete le olive bianche e nere e il baccalà e proseguite la cottura  ancora per altri cinque minuti, fino a cottura ultimata del baccalà.
Lessate la pasta in abbondante acqua salata, a cottura ultimata scolate la pasta e fatela saltare in padella con il sugo, aggiungendo eventualmente un po' di acqua di cottura per mantecare bene il tutto.
Una volta che avrete impiattato, a piacere potete cospargere di prezzemolo tritato finemente.





venerdì 4 novembre 2016

Torta di yogurt e philadelphia



Mi occorreva una torta morbida e soffice, perchè Mario, mio marito era stato dal dentista che gli aveva purtroppo tolto un dente...
Questa mi è sembrata subito ciò che cercavo, morbidissima e delicata, quasi un dolce al cucchiaio!!!
Come vedete non ne è rimasto tanto, giusto un pezzettino per una foto!!!






Ingredienti:

300 gr di formaggio philadelphia
4 uova
1 vasetto da 125 gr di yogurt bianco
1 bustina di vanillina
la buccia grattugiata di un limone biologico
40 gr di farina 00
40 gr di maizena
100 gr di zucchero
125 gr di latte
2 cucchiaini di lievito in polvere per dolci





Procedimento:

Separare gli albumi dai tuorli e sbattere quest'ultimi, con lo zucchero e montarli con una frusta elettrica, fino a che saranno chiari e spumosi.
Unite a seguire la farina, la maizena, il formaggio philadelphia, lo yogurt, il latte, la vanillina, la buccia grattugiata del limone e per finire il lievito.
Montare a neve ben ferma gli albumi e unirli delicatamente al composto.
Preriscaldate il forno a 170 gradi ventilati e infornate il dolce, dopo averlo versato in uno stampo a cerniera diam. 27;  lasciate cuocere per circa 35 - 40 minuti, dopo i primi 20 minuti togliete la modalità ventilata e portate a cottura il dolce.
A cottura ultimata spegnete il forno e lasciate ancora cinque minuti in forno.
Estraete la torta e posizionate il dolce in una tortiera.
Ricoprite il dolce con la marmellata che preferite.

lunedì 31 ottobre 2016

Fantasmini di pasta frolla





Non sono una grande sostenitrice della festa di Halloween, ma ho fatto trovare questi deliziosi fantasmini per la colazione di questa mattina.
Fuori una copertura di cioccolato bianco all’interno una fragrante pasta sfrolla…
Ho trovato questi stampini solo qualche giorno fa al supermercato, fra tutte le formine ho scelto queste... quindi  quale migliore occasione per creare questi adorabili biscotti per la festa di Halloween!!! quelli che vi propongo sono dei dolcetti semplici e veloci, con una base di pasta frolla  e guarniti con una morbida crema al cioccolato bianco.



Ingredienti: 

250 gr di farina tipo 00
100 gr di zucchero semolato
100 gr di burro a temperatura ambiente
1 uovo intero + 1 tuorlo
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 bustina di vanillina o limone grattugiato
La scorza grattugiata di un limone



per la copertura dei biscotti:

120 gr di cioccolato bianco
4 cucchiai di acqua 
30 gr di zucchero a velo
1 cucchiaino di nutella





Procedimento:

Mettete sulla spianatoia la farina a fontana, aggiungete lo zucchero, il lievito e la vanillina, al centro mettete le uova leggermente sbattute, il burro ammorbidito a pezzetti e la buccia grattugiata di un limone.
Impastate tutto velocemente, in modo da non riscaldare troppo la pasta. Formate un panetto liscio e morbido, avvolgetelo in un foglio di pellicola trasparente e ponete la pasta in frigorifero per almeno 30 minuti.
Stendete la pasta frolla,sulla spianatoia leggermente infarinata. Ottenete dalla pasta frolla una sfoglia di circa 1 cm di spessore e tagliate i biscotti con lo stampo che preferite. Disponete i biscotti di pasta frolla sulla placca da forno rivestita da carta forno e mettete in forno statico a 170° per circa 15 minuti. Sfornate quando saranno leggermente dorati e fateli raffreddare.
A bagno maria fate sciogliere il cioccolato bianco insieme all'acqua e allo zucchero a velo, e portatelo al bollore molto lentamente, lasciate raffreddare la crema al cioccolato.
Mettete i biscotti su una gratella e aiutandovi con un cucchiaio versate la crema di cioccolato sui biscotti, ricoprendoli interamente.
Con uno stuzzicadente prendete un filo di nutella e formate gli occhi dei fantasmini.





venerdì 28 ottobre 2016

Tortino di patate prosciutto e mozzarella


Un piatto unico gustoso e appetitoso, facile e veloce per chi vuole una cena semplice ma piena di gusto..
Questi tortini francesi sono sempre pronti ad accogliere ogni sorta di ingredienti, sono dei fantastici piatti e sono degli ottimi svuota frigo, diventano spesso la mia cena ideale, pratica e veloce. 
Oggi facciamo una quiche utilizzando della pasta brisée, delle patate, prosciutto cotto, mozzarella, tutti ingredienti facili da reperire. Se utilizzate la pasta brisée già pronta, riuscirete a preparare questa ricetta in brevissimo tempo. 





Ingredienti:

1 confezione di pasta brisee
4 patate di media grandezza
1 cipolla grande
2 cucchiai di olio e.v.o.
3 cucchiai di parmigiano
1  Mozzarella da 125 gr.
100 gr di prosciutto cotto
Sale e pepe
1 noce di burro
1 confezione di panna liquida
2 uova



Procedimento:
Lessate in acqua salata le patate, tenendole al dente, quindi scolatele, pelatele e tagliatele a rondelle. Prendete la cipolla e dopo averla pulita tagliatela anch'essa a rondelle. Fate rosolare la cipolla in alcuni cucchiai di olio E.V.O. e dopo averla scolata lasciatela raffreddare. Rivestite una teglia con la carta forno, quindi ricopritela con la pasta brisée. Con le rondelle di patate ricoprite l'intera superficie, salate, pepate e ricoprite con riccioli di burro e il Parmigiano. Ricoprite le patate con la mozzarella tagliata a pezzettini, sopra appoggiate le fette di prosciutto. In una ciotola unite uova, panna latte, formaggio salate e pepate e versate tutto sul prosciutto. Mettete in forno a 190 gradi per circa 30 minuti. A metà cottura spargete la cipolla già rosolata sul composto di panna e uova e portate a termine la cottura fino a completa doratura. 



domenica 23 ottobre 2016

Pollo al forno al limone, timo e olive


Avevamo programmato una giornata sulle langhe piemontesi, anche per il fatto che ad Alba era in programma la fiera del tartufo, quindi nonostante il brutto tempo siamo ugualmente partiti.
Le langhe sono affascinanti anche così, sotto la pioggerellina o avvolte nella nebbiolina, i loro colori intensi emergono in tutti i modi...
Una nota positiva il pranzo "longarolo" in una trattoria vicino ad Alba dove abbiamo mangiato benissimo....
oggi, giusto per riprenderci dall'abbuffata di ieri ho cercato una ricetta leggera e delicata ma con un tocco saporito.
Il pollo al limone, timo e olive è una ricetta fresca e sfiziosa preparato con ingredienti semplici è anche molto veloce da realizzare, è ideale anche per un piatto
dell’ultimo momento.



Ingredienti:

1 pollo in pezzi
1 cipolla media
1 limone
15 olive verdi
un ciuffetto di timo fresco
succo di 1/2 limone
3 cucchiai d’olio E.V.O.
acqua q.b.
sale q.b.




Procedimento:

Pulite con cura il pollo e asciugatelo bene, sbucciate la cipolla e tagliatela grossolanamente.
In un tegame che possa venire utilizzato sia sul fornello che nel forno fate rosolare la cipolla tritata con  l'olio aggiungete i pezzi di pollo e lasciatelo rosolare per una decina di minuti a fiamma media. Una volta che i pezzi hanno preso colore aggiungete i rametti di timo, il succo di mezzo limone e salate.
Affettate un limone e aggiungetelo nel tegame insieme alle olive.
Posizionate in forno già caldo a 170 gradi e lasciate cuocere per circa un'ora, rigirando i pezzi ogni tanto e bagnando la carne con il liquido di fondo di cottura.

giovedì 20 ottobre 2016

Dolce di panna con le mele

E' tempo di torta di mele... ormai se ne trovano sui banchi del mercato di tutti i tipi e dimensioni,  dolci, aromatiche, asprigne.
Da tempo avevo da provare una ricetta che avevo trovato e che mi incuriosiva, non è una cheesecake ma neanche una torta tradizionale... oggi mi sembra proprio la giornata adatta.
Una pioggia battente e interminabile, un cielo cupo e grigio e anche se all'interno il camino rallegra si respira un'aria triste e un po' cupa,  ho deciso quindi di movimentare un po' l'umore, coinvolgendo anche Mario, che ciondolava per casa con fare un po' annoiato,  nella realizzazione di questo dolce.
La ricetta di questa torta è di Marina Braito, in  rete se ne trovano tantissime versioni, è una torta di crumble frammezzata da mele sormontata da uno strato di panna e yogurt, una vera bontà.



Ingredienti:
per il crumble:

300 gr di  farina
200 gr di zucchero
150  gr. di burro
1 1/2 cucchiaino  di lievito per dolci


Per la copertura:

1 cucchiaio di latte condensato
3 uova intere ( 3)
300 gr panna liquida
200 gr di yogurt greco
150 gr di zucchero di canna
3 grosse mele golden
marmellata di pesche o di albicocche
Zucchero a velo


Procedimento:

Dopo aver setacciato la farina con il lievito, aggiungete il burro ammorbidito e tagliato a cubetti e lo   lo zucchero, quindi amalgamate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un'impasto fatto solo di briciole.
Imburrate ed infarinate uno stampo a cerniera 27 cm di diametro,  
Versare una parte delle briciole, più o meno la metà, sul fondo della teglia cercando di creare uno strato uniforme.  Intanto, sbucciate ed affettate le mele, le fette devono avere uno spessore di pochi millimetri (io ho utilizzato l'affettatrice) e adagiatele sul fondo, sopra l'impasto di briciole, creando uno strato consistente di mele. A questo punto ricoprite con metà delle briciole restanti. Posizionate nel forno statico a 170 gradi per 20 minuti.
Montate con le fruste elettriche le uova con lo zucchero di canna fino ad ottenere un composto cremoso e soffice, aggiungete panna, yogurt greco e latte condensato, dando un'ultima rigirata sempre con le fruste. Togliete la torta dal forno e versate la crema sul dolce. Rimettete  la torta nel forno alla stessa temperatura per altri 40 - 50 minuti. 
La torta sarà cotta quando si presenterà al tatto abbastanza resistente. 
Questa volta la prova stecchino non sarà molto utile, infatti la torta dovrà restare molto umida all'interno, quindi sarà la vostra manualità per il controllo cottura.  
Dopo aver tolto dal forno il dolce, prendete le briciole rimaste e mettetele in una piccola teglia e passatele nel forno per una decina di minuti, fino a completa doratura, sgranandole ogni tanto con l'aiuto di una forchetta.
Fate raffreddare la torta per alcune ore prima di estrarla dalla teglia, quindi distribuite queste ultime briciole sul dolce, dopo aver cosparso la base con alcuni cucchiai di marmellata di pesche o di albicocche e spolverate con zucchero a velo.




lunedì 17 ottobre 2016

Tonno rosso con pomodorini, capperi e olive


Al mercato ho trovato questi due bellissimi tranci di tonno rosso e non me li sono certo fatti scappare.
A me piace tantissimo il pesce, ma assai poco cucinarlo... quindi ricomincia la mia personale scuola di cucina che avevo interrotto mesi fa.
Ho trovato questa ricetta sulla "Cucina italiana" dove trovo sempre bellissime ricette di pesce facili e sicure.
I filetti di tonno rosso con olive, capperi e pomodorini sono un secondo dal sapore deciso ed intenso, infatti la sua carne molto delicata è anche molto saporita.



Ingredienti:

2 cucchiai di capperi 
1 cipolla dorata
2 filetti di tonno rosso  da g 200 l’uno 
4 cucchiai di olio E.V.O.
15 olive verdi
origano q.b.
1 peperoncino 1/2
15 pomodorini ciliegia
1/2 cucchiaio di prezzemolo tritato
1/2 bicchiere di vino bianco secco





Procedimento:

Tritate finemente la cipolla e mettetela a rosolare in una padella con l'olio, quando sarà diventata trasparente aggiungete le olive, i capperi e il peperoncino privato dei suoi semi e tagliuzzato.
Mettete il coperchio e lasciate insaporire per una decina di minuti, rimestando ogni tanto.
Unite i pomodorini tagliati a metà, il prezzemolo tritato e l'origano, continuate la cottura per un'altra decina di minuti, con la padella coperchiata.
Trascorsi questi pochi minuti aggiungete i filetti di tonno e fate sfumare con il vino bianco per circa un minuto, rimettete il coperchio e fate cuocere per altri 10 minuti. 
A metà cottura girati i filetti per farli cuocere da entrambi i lati.





















venerdì 14 ottobre 2016

Torta con crema pasticcera e ricotta






Siamo passati dalla giacca al piumino, dal plaid alla trapunta, più che autunno sembra inverno inoltrato.... il camino è già acceso da diversi giorni per stemperare l'aria, in casa sono comparsi i primi mandarini, che oltre a profumare l'aria, fanno allegria con il loro colore intenso!!! 
In cucina oggi ci sono Marty e Flora perchè il consorte è stato invitato a pranzo con alcuni suoi amici.

Come dolce abbiamo scelto questa torta, presa dalla rivista "Cucina Italiana" che ci ha subito conquistato. E' un dolce dal sapore delicato, un guscio di pasta che racchiude crema pasticcera e ricotta. Una crema leggera e dalla consistenza morbida che vi conquisterà al primo boccone.




 Ingredienti:

300 gr di farina
3 rossi d'uovo
100 gr di burro 
150 gr di zucchero
1/2 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale
una bustina di vanillina
la buccia grattugiata di un limone 



Inoltre:

4 tuorli
100 gr di zucchero a velo
1 cucchiaio di farina
1 bustina di vanillina
1/2 lt. di latte
250 gr di ricotta




Procedimento:
Tagliate il burro appena tolto dal frigorifero a cubetti piccoli, aggiungetelo allo zucchero e lavorate l’impasto con le dita in modo da ottenere un composto ben amalgamato. Disponete questo composto a fontana sul piano di lavoro. Aggiungete i tuorli. Incorporate ora la farina, la vanillina, il lievito la scorza di limone e il sale. Impastate gli ingredienti  velocemente, lavorando l’impasto brevemente. Formate una palla e lasciatela riposare per almeno 1 ora in luogo fresco avvolta in una pellicola.


Per la crema:
In una piccola casseruola amalgamate i tuorli con lo zucchero utilizzando una frusta quindi unite anche la farina e la vanillina. A seguire unite anche il latte tenendo sempre mescolato. Posizionate la casseruola su fuoco basso e portate ad ebollizione e lasciate cuocere  finchè non avrà raggiunto una buona consistenza. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare, a questo punto amalgamate la ricotta.



 Con 3/4 di pasta foderate uno stampo diam. 27 cm. tenendo alti i bordi con la pasta,  punzecchiate con i rebbi di una forchetta la base e versate la crema. Riducete a grosse briciola la pasta rimasta e cospargetele sopra alla crema in modo da ricoprirla completamente. Posizionate in forno preriscaldato a 170°C per 40 minuti. Una volta raffreddata potete cospargere di zucchero a velo.